Il reflusso gastroesofageo

della Dott.ssa Giorgia Baraldo, Biologa e R&D Product Specialist di NATURALSALUS

Il reflusso gastroesofageo affligge molte persone. Cerchiamo di spiegare i sintomi e le cause partendo dal funzionamento dello stomaco, fino ad arrivare ai nostri consigli per stare meglio.

Il problema del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo, consiste nella fuoriuscita di succhi gastrici nell´esofago e spesso provoca dei fastidiosi bruciori. Soffrire di reflusso gastroesofageo è molto comune nella società odierna.

Quando questo disturbo persiste non solo è fastidioso per chi ne è colpito ma, a lungo andare, può causare ulteriori e più seri problemi come ulcere, esofagite cronica ed a volte può addirittura degenerare in patologie più importanti all´esofago.

 

Cause del reflusso gastroesofageo

Le cause del reflusso gastroesofageo sono molteplici e dipendono molto dallo stile di vita individuale. Tra quelle più comuni troviamo:

·      stress acuto e/o cronico;

·      fumo;

·      consumo di alcolici;

·      alimenti particolarmente speziati o ricchi di proteine e grassi;

·      accumulo di radicali liberi;

·      la presenza del batterio Helicobacter pylori.

 

Vedendo questa lista capiamo perché il reflusso gastroesofageo possa essere considerato un disturbo “moderno”. La maggior parte dei fattori elencati è difficilmente evitabile nella nostra vita di tutti i giorni, ma prendersi cura del proprio benessere e del proprio corpo è fondamentale per evitare condizioni sgradevoli che possono peggiorare nel tempo e poter vivere in salute.

La funzione dei succhi gastrici prodotti dallo stomaco

I succhi gastrici prodotti dallo stomaco hanno la funzione di continuare la digestione del cibo, che idealmente è iniziata già durante la masticazione. Questo processo è necessario per rendere i nutrienti assimilabili dall´intestino.

Per svolgere il suo lavoro, il nostro stomaco produce il succo gastrico che è composto da diversi componenti, ed ha il pH pari a 1; si tratta cioè della sostanza più acida che il nostro corpo sia in grado di produrre. La componente principale nell´acido gastrico, responsabile dell´acidità, è l´acido cloridrico. La presenza di questo acido insieme alle pepsine, prodotte sempre dalle cellule dello stomaco, ci aiuta a digerire la maggior parte delle proteine che ingeriamo. In più, l’acido gastrico ha la funzione di disinfettare gli alimenti che mangiamo. Un gran numero di batteri e virus che possono essere presenti nei nostri cibi non riesce a sopravvivere in un ambiente così acido. L´acido gastrico è così concentrato che riuscirebbe anche a dissolvere le cellule dello stomaco stesso. Ciò però non accade perché esse hanno sviluppato delle tecniche di difesa per proteggersi dal loro stesso prodotto.

Come si protegge lo stomaco dai succhi gastrici?

Lo stomaco deve proteggersi dai succhi gastrici per non esserne danneggiato; crea quindi il muco gastrico, la cui componente principale è la cosiddetta mucina. La mucina ha la funzione di aderire alle pareti dello stomaco e di creare così uno strato protettivo contro l’acidità gastrica e le pepsine. In più, i muscoli che si trovano intorno all’apertura tra lo stomaco e l’esofago si chiudono saldamente quando non ingeriamo del cibo per evitare che gli acidi gastrici migrino in direzione dell’esofago. Ma, a causa di diversi fattori sempre più comuni nella società odierna, i succhi gastrici a volte riescono ad oltrepassare questa barriera raggiungendo l’esofago causando così una sensazione di bruciore. In questi casi parliamo di reflusso gastroesofageo.

 

 

 

Il curioso caso di Helicobacter pylori.

Per molto tempo si è pensato che lo stomaco fosse un ambiente sterile, vista la sua alta concentrazione di succhi gastrici e il suo pH acido.Solo nel 1983 è stata scoperta la presenza di un batterio gram-negativo, che poteva non solo sopravvivere in questo ambiente così arduo ed ostile ma persino proliferarci. Il nome di questo batterio è Helicobacter pylori (H. pylori)

Dal momento della sua scoperta, ha creato molta controversia. Non solo riusciva a sopravvivere agli acidi gastrici ma diversi studi hanno scoperto che poteva essere causa di gastrite e perfino di alcune forme di ulcere e di tumori. La nostra relazione con questo batterio sembra poi essere ancora più complicata. Infatti molte persone che ospitano Helicobacter pylori sono asintomatiche e non soffrono di particolari disturbi. Alcuni studi attribuiscono questo fatto alla condizione delle loro difese fisiologiche. Quindi se il nostro stato di salute attuale è compromesso, H. pylori ha la possibilità di causare degli scompensi. In altre parole, se la nostra condizione fisiologica gastroesofagea è compromessa, il batterio tende ad aggravare dei disturbi che percepiamo attraverso la sua attività.

Come contrastare il reflusso gastroesofageo?

Ci sono diversi modi per contrastare l’insorgenza del reflusso gastroesofageo o per combattere il problema. In generale uno stile di vita sano ed una dieta equilibrata aiutano a prevenire l’insorgenza del reflusso gastroesofageo. Fare attenzione a non mangiare troppi pasti ricchi di proteine e acidi grassi fa sì che non aumenti l’acidità di stomaco, così come fare attenzione a non consumare troppe bevande alcoliche. Trovare dei modi per prendersi cura di sé o ridurre lo stress della vita di ogni giorno può aiutare ulteriormente a ridurre l’acidità di stomaco che colpisce molti individui esposti a situazioni stressanti. Naturalmente ognuno reagisce in modo soggettivo a questi fattori, di conseguenza è importante ascoltare i segnali che ci lancia il nostro corpo e agire al momento del bisogno o, ancora meglio, prevenire questa condizione.

 

Un aiuto naturale prodotto da NATURALSALUS

Un aiuto naturale contro il reflusso è prodotto da NATURALSALUS, che ha creato DS2 REFLUX HERBA per dare un sostegno alla protezione dello stomaco e dell’esofago dai succhi gastrici. Le erbe che compongono questo prodotto sono state scelte in modo da creare un ulteriore strato protettivo sulle pareti interne dello stomaco. Questo ulteriore strato protettivo va a crearsi soprattutto grazie alla presenza del Sodio Alginato e della Fecola di Patate. Il Sodio Alginato è un polisaccaride in grado di creare una mucillagine che protegge e disinfiamma la mucosa. La Fecola di Patate, invece, neutralizza l’acidità diminuendo il bruciore causato dal reflusso. La Liquirizia e la Centella, con la loro azione antiflogistica e riparatrice, limitano i danni causati dai succhi gastrici. Inoltre hanno un effetto rilassante contrastando nervosismo ed irritabilità. La Camomilla è una pianta nota per la sua azione spasmolitica e riduce il dolore di stomaco dovuto alla contrattura muscolare che spesso accompagna i problemi di reflusso. Inoltre la camomilla viene usata per contrastare l’emotività squilibrata ed il nervosismo. Il Mastice Greco rende inospitale l’ambiente per l’Helicobacter pilory, un batterio che molte volte può essere la causa del reflusso oppure aggravare ulteriormente i sintomi se presente in una persona a rischio. Infine il Sulforafano non solo ha un’azione antiossidante e protettiva ma inibisce la crescita del batterio Helicobacter pylori.

 

Fonti di ricerca

R H Hunt, M Camilleri, S E Crowe, E M El-Omar, J G Fox, E J Kuipers, P Malfertheiner, K E L McColl, D M Pritchard, M Rugge, A Sonnenberg, K Sugano, and J Tack, The stomach in health and disease. Gut. 2015 Oct; 64(10): 1650–1668. Published online 2015 Sep 4. doi: 10.1136/gutjnl-2014-307595.

Denisse Bravo, Anilei Hoare, Cristopher Soto, Manuel A Valenzuela, and Andrew FG Quest, Helicobacter pylori in human health and disease: Mechanisms for local gastric and systemic effects. World J Gastroenterol. 2018 Jul 28; 24(28): 3071–3089. Published online 2018 Jul 28. doi: Asima Bhattacharyya, Ranajoy Chattopadhyay, Sankar Mitra, and Sheila E. Oxidative Stress: An Essential Factor in the Pathogenesis of Gastrointestinal Mucosal Diseases. Physiol Rev. 2014 Apr; 94(2): 329–354.
www.humanitas.it/malattie/helicobacter-pylori-infezione

Young Hee Choi, You-Jin Kim, Hee-Sung Chae, Young-Won Chin, In vivo gastroprotective effect along with pharmacokinetics, tissue distribution and metabolism of isoliquiritigenin in mice. Planta Med. 2015 May;81(7):586-93. doi: 10.1055/s-0035-1545914.

Mustafa Cemek, Ezgi Yilmaz, Mehmet Emin Büyükokuroğlu, Protective effect of Matricaria chamomilla on ethanol-induced acute gastric mucosal injury in rats. Pharm Biol. 2010 Jul;48(7):757-63. doi: 10.3109/13880200903296147.

Tomofumi Miyamoto, Tadayoshi Okimoto, and Michihiko Kuwano, Chemical Composition of the Essential Oil of Mastic Gum and their Antibacterial Activity Against Drug-Resistant Helicobacter pylori. Nat Prod Bioprospect. 2014 Aug; 4(4): 227–231. Published online 2014 Jul 19. doi: 10.1007/s13659-014-0033-3.

Akinori Yanaka, Role of Sulforaphane in Protection of Gastrointestinal Tract Against H. pylori and NSAID-Induced Oxidative Stress. Review Curr Pharm Des. 2017;23(27):4066-4075.doi: 10.2174/1381612823666170207103943.



Image credits: Freepik.com